RIGUTINO.IT

Sedes Materiea

Sono le 8 del mattino del 25 aprile 1945 quando Sandro Pertini, uno dei capi del Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia proclama dai microfoni di Radio Milano liberata l’insurrezione generale in tutti i territori ancora occupati dai nazifascisti,  ponendo le truppe tedesche di fronte al dilemma: “arrendersi o perire”.

Quello stesso giorno Milano viene liberata dai partigiani, alcuni giorni prima dell’arrivo degli Alleati.

L’ effettiva resa incondizionata delle forze tedesche in Italia  e della Repubblica Sociale Italiana verrà siglata pochi giorni dopo a Caserta, il 29 aprile 1945. Terminava così il lungo e doloroso  processo di liberazione del Paese con un costo elevato di vittime militari e civili ed aveva inizio una nuova stagione di pace e democrazia.

Poco meno di un anno dopo, il 22 aprile del 1946, su proposta di Alcide de Gasperi  alla guida del governo italiano, il 25 aprile fu proclamato con decreto luogotenenziale “festa nazionale”. Da allora  questa data è diventata un simbolo di libertà, ma anche di speranza e di fiducia nella capacità di affrontare i momenti più difficili grazie all’impegno di tutti.

Quest’anno, visto l’allentarsi delle norme anti-Covid, il Comitato Rigutinese Attività  Ricerche Storiche e  Culturali invita tutti coloro che faranno visita ai loro Cari al cimitero a soffermarsi anche davanti alle lapidi di coloro, uomini e donne, che con il loro sacrificio hanno donato a noi la LIBERTA’.