Confartigianato si è attivato per portare i primi aiuti alle aziende fortemente colpite dall’alluvione del 27 Luglio 2019. Il segretario generale, Alessandra Papini, in una intervista rilasciata all’emittente Teletruria, fa sapere che dal recente incontro tra Provincia e Comune di Arezzo con il Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, è stato chiesto di attivare il prima possibile lo “stato di emergenza”.

Il servizio di Maddalena Pieroni per il TG di Teletruria.

Per attuare questo, tutte le aziende che hanno subito danni dall’alluvione, entro Venerdì 2 Agosto 2019, dovranno  presentare una stima indicativa dei danni, inviando una e-mail alle varie associazioni di categoria di propria competenza o riferimento.  Una volta raccolte le domande e trasmesse tramite il Comune di Arezzo alla Regione Toscana, sarà possibile chiedere lo “stato di emergenza” e far intervenire, appunto, dei contributi pubblici.

Interpellati dalla stessa Confartigianato di Arezzo, la Banca Popolare di Cortona, attraverso il responsabile rete commerciale Carlo Burbi, fa sapere che la stessa banca si sta già attivando per valutare in tempi “rapidi” e a condizioni di “favore” qualunque tipo di finanziamento, per far fronte ai danni causati dall’alluvione. 

Gli uffici della Confartigianato, prosegue il segretario generale, sono a disposizione per raccogliere tutti i documenti necessari per il riconoscimento dello stato di calamità da inviare agli enti preposti, facendo una stima dei danni stessi e raccogliendo la documentazione fotografica. Abbiamo però pensato anche a rispondere nell’immediato mettendo in moto questa collaborazione con Banca Popolare di Cortona che punta su rapidità e tassi favorevoli per mettere a disposizione delle aziende gli strumenti necessari a fronteggiare l’emergenza.

Per invio materiale o per maggiori informazioni:
info@artigianiarezzo.it
Tel. 05753141